Andrea Pellegrini

You are here:   Home > BIO Italiano

BIO Italiano

Discendente da una genealogia di musicisti, guidato dal padre Gianfranco (jazzista attivo negli anni '50 a Livorno) nel jazz e l'improvvisazione, Andrea Pellegrini ha iniziato a studiare pianoforte a 6 anni con Matilde Vigo conseguendo la licenza di Teoria e Solfeggio presso il "Boccherini" di Lucca a 10 anni (9/10) approfondendo poi lo studio con Ilio Barontini. Ha studiato 5 anni Percussioni presso l'Istituto Musicale Pareggiato P. Mascagni di Livorno con Giannino Ferrari e praticato chitarra, contrabbasso, basso elettrico, vibrafono, batteria. Borsa di Studio per il Corso di Alta Qualificazione Professionale (Unione Europea, Siena Jazz 1996), ha infine conseguito il Diploma accademico in Jazz presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali P. Mascagni (110 + lode) con tesi sulla storia del Jazz a Livorno pubblicata da ETS. Il suo stile "poliedrico e eclettico" (Musica Jazz), che attinge continuamente a stili diversi senza disdegnare influenze verso la Third Stream e il rispetto che sostiene vada nutrito per ogni buona musica derivano dalle sue esperienze musicali, precoci e varie.

Ha suonato e tenuto Master Class in tutta Italia e Olanda, Inghilterra, Lituania, Latvia, Rep. Slovacca, Danimarca, Austria, Francia, Svizzera, Germania, Finlandia, Australia, Canada, USA e Canada in 30 anni di attività.

Collaborazioni: 

Jazz:

Bruno Tommaso (Duo nello spettacolo "In A Simmenthal Mood" con la danzatrice Nadia Scarpa e le voci Nenè Barrini e Federica Tatulli; in "The Man From The Moon"; concerti con musiche di Mingus; nel Cd di Bruno “Original Soundtrack for Charles & Mary” su Gesualdo da Venosa; versione cameristica di Sacra Romana Rota ecc.), Paul McCandless (Duo, Ainulindale Ensemble, Cd "Middle Earth", Cd “West Coast” con Paul e Marco Cattani, ecc.), Tino Tracanna (Cd “Progetto Macchiaioli”; Cd “Modigliani”; Duo, ecc.), Paolo Fresu (Cd "Things Left Behind" con Iridescente Ensemble di C.Riggio ecc. ), Pino Minafra ("The Man From The Moon" e con l'Orchestra Atipica "Group_one"), Massimo Manzi, Sylvain Clavier, Vittorio Silvestri, Eric Bretheau, Michel Altier, Beppe Caruso, Vittorio Marinoni, Emanuele Cisi, Vincent Calmettes, Pascal Salè, Stefano Agostini, Piero Borri, Tommy Varjola, Mirko Guerrini, Giampaolo Casati, Dario Cecchini, Ares Tavolazzi, Fulvio Sisti, Fabio Morgera, Vjtautas Labutis, Eugenijus Kanevicius, Rob Burke, Stefano Saccon, Marcel Papaux, Baenz Oester, Juraj Šušaník, Pavol Kušík, Jordan Murray, Niko Schauble, Stuart Vandergraaf, Nic Cecire, Hugh Fraiser, Scott Hamilton, Pat La Barbera, Roberto Occhipinti e molti altri.

Musica improvvisata:

Edoardo Marraffa, Roberto Bellatalla, Stefano "Steve" Lunardi, Vytautas Labutis, Tristan Honsinger

Pop:

Linda Wesley, Jamie Moses (The Pretenders), Irene Grandi (Duo), Bobo Rondelli (Duo), Cristina Donà, The Trammps

Teatro e recitazione:

Arnoldo Foà, Dario Ballantini, Claudio Monteleone, Giovanni Balzaretti, Alessandro Agostinelli, Alessio Sardelli, Federica Tatulli, Alberto Giorgi e molti altri.

Noto insegnante, "punto di riferimento per i giovani musicisti della sua zona" (M. Raia), è stato Direttore della Scuola di Musica G.Bonamici di Pisa dal 2004 al 2010 (8 Dipartimenti: Musica Classica, Jazz, Antica, Etnica, Contemporanea, Popular Music, Musicoterapia, Musiche per l'infanzia, 500 iscritti, 40 insegnanti), dando alla scuola un eccezionale impulso di crescita in quantità e qualità, riformandola nella didattica e nell'organizzazione insieme al presidente Giovanni Motta e inserendola, senza alcun finanziamento ne' sostegno pubblico, nel circuito didattico internazionale.

Insegna Pianoforte Jazz presso l'lstituto Superiore Pietro Mascagni di Livorno nei corsi superiori e preaccademici, dove è già stato docente di Improvvisazione e Composizione Jazz, e Pianoforte Jazz presso il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze. Anima infine il proprio laboratorio ©JazzLab a Livorno, nato nel 2011 presso il Teatro C con l'aiuto del direttore Alessio Carnemolla, oggi in collaborazione con Museo di Storia Naturale e Banda Città di Livorno.

Molti musicisti toscani, oggi professionisti, sono stati suoi allievi: Giulio Carmassi (Pat Metheny Quintet), Tommaso Novi (Gatti Mezzi), Motta (Francesco Motta), Mattia Donati, ecc.

Alcune sue composizioni vengono eseguite oggi da molti musicisti di livello internazionale, come la nota "Portovenere" eseguita spesso da Paul McCandless in tour con il pianista Art Lande.

E' membro del Consiglio Direttivo e Referente Regionale per AIdSM Ass. italiana delle Scuole di Musica, all'interno del quale fa parte del gruppo di lavoro per la stesura del primo progetto di legge per il riconoscimento delle scuole di musica italiane.

E' stato dal 2004 al 2010 delegato italiano in EMU European Music School Union, ente membro di International Music Council / UNESCO che riunisce scuole di 27 nazioni per 4.000.000 allievi, partecipando a iniziative in Finlandia, Danimarca, Estonia, Lituania, Latvia, Belgio, Ungheria, Austria, Svizzera, Germania, unico jazzista fra i delegati di tutta Europa.

Collabora da molti anni con agenzie specializzate, scuole pubbliche e private, scuole di musica, conservatori, università, istituti d'arte e associazioni europee, nord americane ed australiane per l'organizzazione di eventi culturali e concertistici anche di livello internazionale con valenza artistica o didattica e divulgativa. Dal 2012 è promotore delle iniziative livornesi per la Unesco International Jazz Day col patrocinio ufficiale di Unesco Italia.

E' stato presidente della storica Banda Città di Livorno.

Impegnato anche come autore e commentatore, ha pubblicato un centinaio di interviste, analisi, recensioni e 2 libri (“Livorno dalla musica americana al Jazz” con Maurizio Mini, Erasmo 2013, e “Mirabolanti avventure dei un jazzista”, Erasmo 2014, ristampato nel 2017), convinto dell'importanza del "parlare della musica, e che siano i musicisti i primi a parlarne, e a parlarsi".

Attività attuali:

Con Quartetto / Quintetto di Livorno (Tino Tracanna sax, Tony Cattano trombone, Andrea Pellegrini pianoforte, Nino "swing" Pellegrini contrabbasso, Michele Vannucci, guest: Francesco "maestro" Pellegrini, fagotto): Progetto Macchiaioli (musica di Andrea Pellegrini ispirata ai quadri di Fattori e dei Macchiaioli e Post Macchiaioli toscani) dal Cd Progetto Macchiaioli; Progetto Modigliani, musica di Andrea Pellegrini ispirata ai quadri di Amedeo Modigliani dal Cd Modigliani - il Tratto, l'Africa e Perdersi; Progetto Piero Ciampi Fino All'Ultimo Minuto - Le Musiche di Piero Ciampi in Jazz dal Cd Fino All'Ultimo Minuto - Le Musiche di Piero Ciampi in Jazz; Progetto Isabella, musica improvvisata ispirata ai quadri di Isabella Staino.

Con Bruno Tommaso Jazz Workshop: Progetto Charles and Mary, musiche di B.Tommaso ispirate a C. Gesualdo da Venosa dal Cd Original Soundtrack For 'Charles and Mary'; Progetto Sacra Romana Rota, arrangiamenti di Bruno Tommaso su musiche di Nino Rota (Sacra Romana Rota) ecc.

Con Paul McCandless: 5etto; 4etto; Duo; Ensemble Ainulindale; progetto sinfonico “Paul McCandless Symphony Project”; sestetto “West Coast” con Paul McCandless e Marco Cattani.

Con Tino Tracanna: Duo; Progetto Macchiaioli, Progetto Modigliani e Progetto Isabella con Quintetto di Livorno.

Vari progetti con la figlia Chiara Pellegrini (cantante jazz, autrice, arrangiatrice: jazz, bossa nova, progetto su Billie Holiday, composizioni originali), con il figlio Francesco Pellegrini (poeta, cantautore, fagottista, chitarrista: jazz, composizioni originali, improvvisazione libera), con la cantante Laura Piunti (omaggio alla canzone italiana con arrangiamenti originali), con Giacomo Riggi (vari strumenti, voce: jazz e composizioni originali), con Mattia Donati (chitarra e voce: jazz e swing), col cantautore Guido Ciavola e quartetto di violoncelli (canzoni di Guido Ciavola ispirate alle lotte partigiane, anche con Piero Bronzi, sax); con gli attori/autori Giovanni BalzarettiClaudio Monteleone, Alessandro Agostinelli con musica improvvisata in spettacoli di narrazione e improvvisazione anche per bambini:

Presentazioni di libri con musica improvvisata:

Claudio Monteleone Lettura scenica "Umberto Dei - Biografia Non Autorizzata di una Bicicletta" dal libro di Michele Marziani. Andrea Pellegrini, pianoforte

"Benedetti da Parker" (Cairo ed., 2017) di e con Alessandro Agostinelli. Andrea Pellegrini, pianoforte, anche con Nino Pellegrini (contrabbasso) e Piero Borri (batteria)

MIrabolanti avventure di un jazzista Andrea Pellegrini legge e commenta alcuni racconti dal libro, Erasmo ed. 2014. Andrea Pellegrini, pianoforte

"Sassofoni e Pistole" (Arcana ed.) di e con Franco Bergoglio. Andrea Pellegrini, pianoforte

Discografia scelta:

Fino all'Ultimo Minuto - Le Musiche di Piero Ciampi in Jazz Quartetto di Livorno in collaborazione con Premio Ciampi 2016. Premio speciale della Giuria consegnato da Gianfranco Reverberi

Modigliani - il Tratto, l'Africa e Perdersi Tino Tracanna, Quintetto di Livorno, Erasmo 2014

Middle Earth Ainulindale with Paul McCandless, Symphonia Bluesmiles 2000

Progetto Macchiaioli Quintetto di Livorno with Tino Tracanna, Vinile 2008

Disordini al Confine Orchestra Atipica Jazz Bonamici 'Group-One' NJI2002, Materiali Sonori

Interferenze Orchestra Atipica Jazz Bonamici 'Group-One' NJI 2003

Malcontenta e Altre Storie Orch. Atipica Jazz Bonamici 'Group-One' Barga Jazz, NJI 2005

Things Left Behind Iridescente Ensemble di Claudio Riggio con Paolo Fresu; Symphonia Bluesmiles 1998

Sorvoli di Marco Cattani, poesie di Mauro Lovi, Renzia D'Incà. Lapsus 2001 Materiali Sonori

Emma e il Martedì di Nino Pellegrini, duo; Studio Vinile, Livorno 2009

Palermo Città d’Arte Extramedia 1997, Brunelleschi Quartet (ob, vl, vla, vc), Cd Rom

Arrangiamenti: archi per il film 'Ritorno a Parigi', Festival di Venezia 1994; compos. per film come 'Commercial Picture Rhymes', H. Richter 1929, 'Vedi Napoli e Poi Mori' 1924 ecc.; numerosi film storici e muti con musica improvvisata in collaborazione con il cinema Arsenale (Pisa)

wikipedia.org/wiki/Andrea_Pellegrini

  wikipedia.org/wiki/Pellegrini_-_Vianesi

 

Submenu